image_pdfimage_print

Biscotti al Nesquik e quinoa soffiata

Quando ho aperto questo mio umile spazio ormai nove anni fa, il mondo dei blog era un po’ diverso da ora…i social praticamente quasi non esistevano, era bello scrivere un post per raccontarsi, per raccontare di noi e delle nostre passioni e fare condivisione con altre blogger amiche: era bello e piacevole lasciare commenti, a volte si innescavano vere e proprie discussioni (sempre propositive!) con consigli e dritte su come fare questo o quello…
…ora le cose sono un pochetto cambiate, spesso il mondo social con la ricerca spasmodica di like e di visibilità ha il sopravvento su tutto quanto, anche se devo dire che io ho comunque mantenuto e trovato in questa realtà, anche se virtuale, delle persone splendide, che tengo care e con le quali ho stretto amicizie molto belle e sincere, legami forti ed importanti che sono sopravvissuti al tempo e alle mode, spesso anche rafforzandosi.
E’ vero, col tempo tutto si evolve e sicuramente sono cambiata anche io.
Quello che però non è cambiato da parte mia è la voglia di provare, condividere e con piacere scambiare pareri e ricette con chi mi legge e mi segue.
E a mia volta imparare dalle altre amiche…che sono in tante e tutte bravissime!
Seguo spesso Benedetta, molte delle sue ricette sono facili e semplici da realizzare, sono ruspanti e senza troppi fronzoli, come piace a me…quando ho visto questi biscotti al Nesquik, me ne sono innamorata all’istante e mi son detta: li faccio!
Rustici ma tanto golosi, perfetti per merenda e colazione (da inzuppare sono il top!), io ho apportato qualche piccola variante, usando la quinoa al posto del riso soffiato, comunque ora vi mostro come ho fatto, che faccio prima ahahaha…

(altro…)

Vellutata di sedano rapa, patate e timo

Sono alcuni giorni che qua le temperature si sono ahimè abbassate…stamane sono uscita e c’era un venticello gelido che mi sferzava la faccia, mi son messa al collo ben bene la mia inseparabile sciarpetta e via…anche se ormai le margherite fanno capolino qua e là, così come le violette e i fiori degli alberi da frutto, beh…si sta volentieri al calduccio, e si apprezzano ancora dei piatti caldi e confortanti, come una bella tazza di vellutata ad esempio.
La primavera è instabile si sa, ricordo un anno che, (ero ancora ragazza!) ha buttato una spruzzata di neve proprio il giorno del mio compleanno, a metà aprile, vedete un po’…
Comunque sia, una vellutata ci sta sempre bene…è un po’ come quei bei tailleur che non hanno età, o come una bella camicia bianca dal taglio classico, che comunque la metti, bene ti sta!
A una vellutata non si dice mai di no; pensiamola bella calda d’inverno, accompagnata da crostini croccanti e tostati, oppure tiepida e perchè no, anche fresca d’estate, con una bella quenelle di formaggio fresco o una cucchiaiata di panna acida…insomma, largo alla fantasia in cucina, sempre.
Oggi ve ne voglio presentare una che ho realizzato recentemente, utilizzando il sedano rapa, ortaggio che in casa mia fa storcere un po’ il naso (qua son difficilotti, lo ammetto!); insieme alle patate e all’aggiunta di profumatissimo timo fresco, ho ottenuto uno splendido piatto comfort food che tutti hanno gradito!
Vi parlerò anche della mitica Pentola Multifunzione All in One Cookpot di Russell Hobbs che ho utilizzato, preziosissimo e valido aiuto in cucina…andiamo per ordine, però!

(altro…)

Ciambella alla zucca sofficissima

Oggi, dopo alcune giornate davvero meravigliose (parlo a livello climatico!) il tempo si è di nuovo infreddolito e rabbuiato, uff…si dai lo sappiamo che marzo è pazzerello, però che noia, uno fa così in fretta ad abituarsi alla bella stagione, vabbè…
Credevo davvero che la primavera fosse prepotentemente esplosa, invece mi sa che dovrò attendere ancora qualche giorno; ma si dai tutto sommato male non fa coccolarsi ancora un pochetto, come se fosse autunno…
No, non sono impazzita, volevo solo mostrarvi un dolce che ho recentemente realizzato e che ho adorato fin dal primo istante.
Vi parlavo qui della bontà di una zucca biologica e assolutamente squisita, e dell’amore sviscerato che in casa abbiamo per essa, come ortaggio multitasking, perfetto da mettere in ogni dove…detto fatto ecco che vi propongo una torta fantastica, soffice a dismisura, dove Lei, la zucca, frutto dell’autunno e dell’inverno è l’ingrediente principale.
Uno dei motivi che mi fanno amare la stagione fredda, è proprio la zucca infatti; non ridete, è vero!
…talmente vero, che ne faccio scorte esagerate, la congelo addirittura per poterne beneficiare dentro a qualche piatto, anche d’estate…così, a inverno quasi finito, quando girovagando da lei ho visto questa torta, sofficissima, perfetta per merenda e colazione, dal colore meraviglioso e solare, beh…mi son detta: come fare a resisterle?!
Grazie a Simona quindi ma anche ad Assunta che è l’ideatrice di questa delizia!

(altro…)

Cake salato agli spinaci, prosciutto, pinoli e noce moscata

Quando la primavera è in arrivo, inizio ad aver voglia di colore, di leggerezza, di rinnovamento…questo oltre che a livello personale e quindi nell’abbigliamento, nell’aspetto fisico, in casa (qua inizio con i miei mitici repulisti e chi mi legge da anni sa che quando mi parte il raptus non mi ferma più nessuno!) prende spazio anche nella cucina, con la voglia di piatti un po’ diversi, ricchi di colore, verdure e anche spezie che li rendono effervescenti e molto profumati.
Adoro le spezie, ne faccio largo uso nei miei piatti, ed anche nella ricettina di oggi, un cake salato agli spinaci con prosciutto e pinoli, dal colore squillante e dal gusto delizioso, ne ho utilizzata una che amo: la noce moscata, la quale ha dato quel tocco in più.
Questa spezia mi ricorda l’infanzia e la bechamella di mamma, che metteva un po’ dappertutto e che era pregna di questo favoloso profumo…mi ricorda un viaggio di ormai parecchi anni fa in Sri lanka, dove ne avevo fatto incetta, anche da regalare ad amici qui, a casa.
Noce moscata, cannella, anice stellato, pepe nero…sono alcune delle mie spezie preferite…e voi invece?
Quali amate in particolar modo?

(altro…)

Dolcetti soffici alle fragole e alchermes

Adoro le fragole, mi ricordano tanto l’infanzia e soprattutto quando le raccoglievo nel giardino dello zio, dove crescevano selvagge e a profusione, belle, rubizze, e cicciotte, anche se irregolari e non precise come quelle che oggi troviamo sui banchi del mercato.
A dire il vero, più che raccoglierle io e mia cugina spesso…ehm…come dire…ce ne appropriavamo, nel senso che ogni tanto una qui, una là, sparivano nella nostra pancia, quando ci veniva voglia di merenda in questa stagione!
Come fare del resto a resistergli?!
Erano troppo, ma troppo buone, non le lavavamo neppure, finivano direttamente in pancia così, fino a provocarci, ( a dire il vero questo solo a me!) delle brutte e fastidiose orticarie.
Ricordo ancora quando il  bidello Giulio mi riportò a casa della nonna sulla canna della bicicletta, avrò fatto la prima elementare e ad un certo punto la maestra si era spaventata perchè ero diventata un piccolo mostriciattolo tutto rosso: l’orticaria malfamata era esplosa improvvisamente durante l’ora di lezione, ahimè!
Nonostante tutto, ora di orticaria non v’è più neanche l’ombra; trovare delle fragole come quelle è praticamente impossibile; io però non demordo e appena posso ne faccio scorpacciate.
Quando ho realizzato questi piccoli dolcetti, ancora non se ne vedevano in giro…ho ovviato utilizzando quelle liofilizzate, ed ho profumato il tutto con l’Alchermes, liquore che trovo squisito.
Il risultato…beh, potete vederlo da voi: dei dolcetti soffici, golosi, leggerissimi, perfetti per merenda e colazione…in una parola: irresistibili!

(altro…)