Le Raviole di San Giuseppe (della Elena!)

Raviole di San Giuseppe

Tante volte ho parlato di amicizia in questo mio spazio virtuale, e tante volte ho espresso le mie riflessioni al proposito…a volte si instaurano dei rapporti anche in rete molto belli, a me è successo spesso, rapporti che sfociano in amicizie belle, semplici e sincere.
Amicizie che a volte diventano più intense di quelle reali…è successo anche questo.
Qualche mese fa ho avuto modo di conoscere un bel gruppo di donne, in una splendida, indimenticabile e caldissima giornata bolognese: alcune ragazze della redazione di Taste & More e fra queste c’era anche lei, Elena.
Da tanto tempo avevo il desiderio di conoscerla, sapevo che avrei trovato una persona sincera, genuina, molto simile a me….e non mi sono sbagliata.
Elena mi ha fatto un dono prezioso, un vaso della mitica mostarda dolce bolognese che da tanto desideravo provare (e lei lo sapeva bene!) così, non ho avuto più scuse…ho finalmente messo le mani in pasta per realizzare le mitiche Raviole dolci di San Giuseppe che hanno letteralmente fatto impazzire marito e figlia, tanto da divorarle in tempo record (ehm, ammetto che qualcuna me la sono pappata anche io!).
Grazie Elena!

 

IMG_9558-1

 

Il sapore di questa mostarda è unico, la consistenza è soda e corposa, sinceramente era la prima volta che assaggiavo una bontà simile, che mi ha letteralmente conquistata.
Ho deciso di impiegarla nella realizzazione di queste Raviole di San Giuseppe seguendo pari pari la ricetta di Elena, facendo solo qualche piccola modifica, ma vi consiglio vivamente di cercare questa mostarda e di provarle…ve ne innamorerete, parola!
Prossima ricetta, Elena cara, sarà la Pinza…ormai chi mi ferma più?!

 

collage raviole

 

Raviole dolci di San Giuseppe
Write a review
Print
Ingredienti
  1. 250g farina 00 macinata a pietra
  2. 100g zucchero di canna chiaro
  3. 60g di burro morbido
  4. 1 uovo grande
  5. mezzo cucchiaino scarso di lievito
  6. scorza di limone non trattato
  7. un pizzico di sale
  8. 2/3 di mostrarda bolognese e 1/3 di marmellata ai frutti di bosco
Preparazione
  1. In una ciotola mettere la farina e il burro; con la punta delle dita lavorare il burro fino ad ottenere una composto sabbioso.
  2. Aggiungere lo zucchero, il sale, la buccia di limone finemente grattugiata e il lievito.
  3. Formare una fontana con il buco al centro e versare l’uovo leggermente sbattuto.
  4. Impastare il minimo indispensabile ad ottenere un composto liscio e omogeneo, tipo una frolla morbida come consistenza; se necessario è possibile aggiungere un cucchiaio di latte (io l'ho fatto per ammorbidire ulteriormente).
  5. Coprire con pellicola alimentare e lasciar riposare per minimo mezz'oretta in frigo.
  6. Una volta trascorso questo tempo, estrarre la pasta dal frigo, accendere il forno e portarlo ad una temperatura di 180° ventilato.
  7. Stendere la pasta con il mattarello ad uno spessore di mezzo centimetro e tagliarne dei cerchi con un coppapasta.
  8. In un'altra ciotolina miscelare la mostarda con la marmellata, amalgamandole bene.
  9. Adagiare mezzo cucchiaino di marmellata al centro di ogni disco e chiudere a metà, senza premere troppo sui bordi.
  10. Disporre le raviole su una teglia coperta da carta forno e cuocere per circa 15/20 minuti fino a che non assumono un leggero colore dorato.
  11. Si conservano bene chiuse in un sacchetto alimentare, in un vaso ermetico o di latta.
Adapted from Saltando in padella di Elena Gnani
Adapted from Saltando in padella di Elena Gnani
pensieri e pasticci http://www.pensieriepasticci.ifood.it/

 

IMG_9541-1

 

La consistenza di queste raviole è proprio quella di una frolla, ma la loro bontà sta nella grande friabilità, la dolcezza e il gusto speciale del loro ripieno, insomma si è capito che me ne sono innamorata?!

 

 

IMG_9562-1

 

E cosa ne pensate del piattino che ho utilizzato per presentarle?
E’ uno dei piattini della mia amatissima nonna, quindi per me ha un ricordo speciale.

Buona giornata a tutti amici, vi lascio con una bella frase che ho letto da qualche parte qualche giorno fa e che mi ha particolarmente colpita e che è perfetta per questo post…
Grazie ancora Elena per il tuo prezioso dono e per la tua amicizia!

 

La legge del dono fatto da amico ad amico è che l’uno dimentichi presto di aver dato, e l’altro ricordi sempre di aver ricevuto.
(Seneca)

 

IMG_9559-1

 

 

Alla prossima
08E2796ECBC9AA89D26349E6FB14FA4C

image_pdfimage_print

Comments

  1. Leave a Reply

    federica
    15 febbraio 2016

    che bello avere delle amiche virtuali, ti capisco qualcuna ne ho anch’io e me la tengo stretta ^__^ questi dolcetti sono proprio bellissimi e golosi , ciaoooooo

  2. Leave a Reply

    Alice
    13 febbraio 2016

    questa frolla ha un aspetto friabilissimo e quel ripieno mi intriga molto, il piattino poi è meraviglioso!
    baci e buon we
    Alice

  3. Leave a Reply

    Ketty Valenti
    12 febbraio 2016

    Fantastico quando si instaurano legami così specie se spontanei,inaspettati e soprattutto disinteressati.
    Hai confezionato dei dolcetti deliziosi che mi ricordano anche qualcosa di tipico dalle mie parti,ghiottissime e poi tu che cara persona sei. <3

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      13 febbraio 2016

      Grazie cara, si è davvero una bella cosa questa dei legami, anche se a distanza….
      Mi fa piacere che anche tu conosca questi dolcetti, provali e ti piaceranno! Un abbraccio grande

  4. Leave a Reply

    Luisa-mamilu
    12 febbraio 2016

    Ciao Simo conosco molto bene la bontà di questi dolcetti, li prepariamo anche da me nel reggiano sia fritti che al forno…ma il mix lo prepariamo solitamente in casa e ognuno a proprio gusto, mia mamma ha imparato da una cara vicina di casa! Quanto alla amicizia, hai ragione molto spesso quelle virtuali sono decisamente migliori di quelle reali ;)! Grazie per questo assaggio, quest’anno solo chiacchiere/intrigoni per noi. Buon weekend baci Luisa

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      12 febbraio 2016

      che bello preparare la mostarda secondo il proprio gusto, davvero mi piacerebbe tanto imparare…
      Sull’amicizia tanto ci sarebbe da dire…però prendiamo quello che ci viene dato e gioiamo per le cose belle, apprezzandole!
      Un bacione e buon carnevale a te e ai tuoi bimbi

  5. Leave a Reply

    Imma
    12 febbraio 2016

    Hai ragione amica mia, a volte ci sono delle amicizie che nascono sul weekend e sono vere e sincere come la nostra:-) e queste raviole dolci mi piacciono tantissimo le trovo adorabili!!Un abbaraccio forteeeee

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      12 febbraio 2016

      siii tu sei davvero un’amica storica e preziosa per me! Un abbraccio grandissimo anche a te e a presto

  6. Leave a Reply

    Annalisa
    12 febbraio 2016

    Cara Simo, queste raviole sono uno spettacolo, proprio belle e la bontà posso solo immaginarla! Bravissima, e bravissima anche Elena, una blogger strepitosa. Bacio ad entrambe!
    P.s. sono proprio felice di averti conosciuta! 🙂

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      12 febbraio 2016

      Grazie di cuore cara, anche a me ha fatto molto piacere conoscerti, spero di essere costante nel seguirti, ultimamente è un po’ un delirio…ma ci proverò 😉
      Un abbraccio e buon fine settimana

  7. Leave a Reply

    saltandoinpadella
    11 febbraio 2016

    Finalmente riesco a guardarle per benino. Sono giorni un po’ impegnativi. Simo sono bellissime, sono senza parole, mi piace questa tua versione rustica. Il tuo post mi ha commosso, anche io sono felicissima di averti conosciuto, sei una gran donna, la mia roccia lombarda 😉

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      12 febbraio 2016

      Faccio il tifo per te e per il tuo showcooking, vedrai che andrà benissimo! Grazie di cuore per le tue parolel ma soprattutto per la mostarda, che adoriamo tutti qui.
      Un bacione grande al mio tornado romagnolo 😉 <3

  8. Leave a Reply

    Ivana
    11 febbraio 2016

    Ciao Simo, non ho mai assaggiato la mostarda bolognese, non ho idea di che sapore abbia!!!! Mi hai incuriosito parecchio… questi biscottoni sono molto belli e ne mangerei uno (ma anche 2 o 3 perchè no??!)
    me li segno e li farò sicuramente. Il piattino della tua nonna è molto bello.
    Un abbraccio grande grande

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      12 febbraio 2016

      è una sorta di confettura molto strong, compatta e piena, ricca, insomma assolutamente da provare! Chissà mai se da eataly o qualche posto particolare la troverò anche qui…?!!
      Hai ragione, si mangiano come le ciliegie tanto son buoni, provali anche con la confettura normale, ti piaceranno un sacco, lo so… 😉
      bacione grande a te

  9. Leave a Reply

    aria
    11 febbraio 2016

    Io le conosco queste raviole, questa mostarda…so quanto sono goduriose! e il piattino…elegantissimo, raffinato…ma soprattutto…impareggiabile per il legame che tramanda!

  10. Leave a Reply

    Silvia Brisi
    11 febbraio 2016

    Sono stupende!! Elena ti ha fatto davvero un regalo prezioso, è bello vedere come le amicizie virtuali poi in realtà siano anche vere, piccoli pensieri che racchiudono grandi cuori!!
    Un abbraccio Simo, buona serata!!

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      12 febbraio 2016

      Si, un regalo speciale, poi fatto col cuore, quindi…ancora di più valore!
      Grazie per le tue belle parole, ti abbraccio cara e buon fine settimana

  11. Leave a Reply

    ziaConsu
    11 febbraio 2016

    L’amicizia non conosce frontiere e si manifesta nelle forme più impensabili. Bellissima quella che hai instaurato con Elena e golosissima la ricetta che le hai dedicato ^_^
    ps: quel piattino è fantastico <3

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      11 febbraio 2016

      E’ vero, hai perfettamente ragione cara, e poi, lo devo ammettere, certe empatie si consolidano subito…ci si sente un feeling a pelle con certe persone!
      Grazie di tutto, ti mando un grande abbraccio, e…il piattino è prezioso in tutti i sensi per me <3

  12. Leave a Reply

    Anna
    11 febbraio 2016

    I tuoi piatti sono raffinatezza ed eleganza allo stato puro. La pratolina messa lì in mezzo alle raviole è semplicemente meravigliosa! Ti ammiro ogni giorno di più :-)))))

  13. Leave a Reply

    Andreea
    11 febbraio 2016

    Come sono golose queste raviole, ne mangerei molto volentieri uno !

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      11 febbraio 2016

      e faresti bene sai?! Provale…si fanno in un battibaleno…in mancanza della mostarda potresti usare della confettura di ciliegie 😉

  14. Leave a Reply

    Laura e Sara Pancetta Bistrot
    11 febbraio 2016

    Una ricetta che non conoscevamo, ora ci è salita una curiosità infinita su questa mostarda bolognese!! Queste raviole sono bellissime e dolci come la vostra amicizia 🙂 Complimenti Simo, un abbraccio grande!

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      11 febbraio 2016

      anche io ero curiosissima…è strabuona, roba da creare dipendenza 😉
      Dovete assolutamente provarla….il problema è capire dove reperirla, io a Milano credo di avere qualche difficoltà….
      Grazie e bacioni ragazze!

  15. Leave a Reply

    tizi
    11 febbraio 2016

    è bello vedere legami che si stringono, amicizie che nascono tra donne che ammiro! ottima ricetta, bellissima esecuzione! e spero tanto anch’io di potervi abbracciare un giorno (e assaggiare la mostarda bolognese originale, che manca anche a me!)
    un bacio simo, a presto 🙂

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      11 febbraio 2016

      Grazie di cuore cara, sarebbe bello trovarsi ma mai dire mai… 😉
      Io sono ottimista!
      Un caro saluto

  16. Leave a Reply

    Elisa Cecilia
    11 febbraio 2016

    Buon dì Simo, si, l’amicizia è un dono meraviglioso. “Chi trova un amico, trova un tesoro” e affronta la vita con più grinta e sicurezza. E’ un dono! Quando lo riceviamo dobbiamo tenercelo stretto. Non a tutti viene dato.
    Il piattino di nonna Gina è bellissimo, è prezioso, ti rammenta tante emozioni.
    Le raviole dolci di San Giuseppe sono divine! Ah, se le avessi a portata di mano…….Un mega bacio. 🙂

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      11 febbraio 2016

      E’ vero, sante parole le tue e sai bene come le condivida…..
      Un bacio grande e un chilo di raviole per te <3 ...te le mando col pensiero!

  17. Leave a Reply

    Claudia
    11 febbraio 2016

    Mmmm io non amo tanto la mostarda ma miscelata con la confettura di frutti di bosco e messa nei ravioli dolci forse forse potrebbe piacermi!! Son bellissimi comunque… :-****

    • Leave a Reply

      pensieriepasticci
      11 febbraio 2016

      ma questa non è una mostarda normale….è una specie di confettura molto dura e corposa, dolce e golosa, che io ho stemperato per rendere un pochino più morbida, ma credimi, è assolutamente da provare!!!!!!!!! A trovarla però….
      Questa me la tengo come un tesoro prezioso…
      bacio!

      • Leave a Reply

        Davide
        9 novembre 2016

        Eccomi, produttore della Vera Mostarda Bolognese in questione! Grazie per le belle parole!

        • Leave a Reply

          pensieriepasticci
          9 novembre 2016

          Davide ma che piacere! Son proprio felice di leggere queste parole, grazie a te per il commento che mi hai lasciato, onoratissima!

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>